Crea sito

Ponza. La polemica sull’isola ecologica si allarga

08/04/2015
By

Risposta al Comitato Rinascita per Ponza da parte dell’Associazione NIA. –

Ieri abbiamo pubblicato una lettera aperta del Comitato Rinascita per Ponza all’Assessore Ambrosino. Una  risposta  arriva invece dalla NIA (una sigla nuova di zecca), eccola:

Abbiamo letto perplessità e varie richieste in merito alla nuova isola ecologica da parte del Comitato Rinascita per Ponza.monte p

Per chi non ne fosse a conoscenza a Ponza non è presente un’isola ecologica e questa mancanza ci costringe a pagare più tasse e multe da parte della Regione e della Provincia, quindi prima verrà fatta l’isola ecologica e prima si pagheranno meno tasse. Detto ciò, il Comitato vorrebbe vedere allocata la nuova isola ecologica alla vecchia discarica e vorrebbe vedere utilizzato il vecchio compattatore, lassù al Monte Pagliaro. Il suddetto sito però è stato sequestrato dalla magistratura più o meno 20 fa e dall’ora è stato usato come discarica.  Per essere bonificato secondo legge (e deve farlo la Regione) ha bisogno di alcuni milioni di euro che la Regione non ha e quand’anche la Regione li avesse, le operazioni di bonifica durerebbero alcuni anni.

La nuova isola ecologica ospiterebbe solo materiali ingombranti quali legno, vetro, plastica, reti metalliche, ferro ed altro. Questo materiale non è compostabile così come asserisce il Comitato Rinascita per Ponza. Possibile che i facenti parte del Comitato non sappiano queste elementari Verità Ponzesi?

Altra cosa fondamentale che teniamo a ricordare è che se venisse aperta l’isola ecologica al Monte Pagliaro, sarebbe inevitabile il volteggiare di gabbiani e poiché al Monte Pagliaro c’è anche l’elisuperficie, questo volteggiare comporterebbe la chiusura della struttura per motivi di sicurezza del volo. Ciò significa che Ponza perderebbe il soccorso dell’elicottero dell’Ares 118 per i malati. Voi che dite? Meglio il volo per un malato o il volo di un gabbiano?

Abbiamo notato che il Comitato Rinascita per Ponza asserisce di essere la voce del popolo, ma non crediamo che tutti i ponzesi siano d’accordo con quello che scrivono ma soprattutto pensiamo che non siano a conoscenza di tali vicende. Ultimamente leggiamo di aspre battaglie politiche per concessioni balneari, porti, PUA, PAI ma in questo momento riteniamo più importante la salvaguardia dei servizi a tutela della popolazione. Cooperare significa fare il bene di tutti, non di pochi.

Associazione NIA (Nuova Isola Azzurra)

 

Comments are closed.

Archivio

Gaeta 24-TV

Meteo Gaeta

editoriali

Programmazione Cinema Ariston